La ferita da ingiustizia è data da quanto gravano sui figli le esigenze dei genitori. Quando queste esigenze o aspettative sono oltre la norma, si vìola la natura del bambino. Siamo in una famiglia con almeno un genitore autoritario E’ un’ingiustizia chiedere così tanto ad un bambino per ottenere un risultato che soddisfi il genitore. Il fine è il genitore soddisfatto, non la crescita individuale del bambino. Si divide in due tipologie: nella prima, i figli cercano in tutti i modi di corrispondere a queste aspettative e ci riescono. Nella seconda, non riescono a corrispondere alle aspettative dei genitori e si arriverà al conflitto costante. Questo determinerà due tipologie differenti di adulti accomunati, però, dal sentimento costante che vivono:  l’insoddisfazione.

Non è mai abbastanza, potevi fare meglio: questa è la motivazione che questi genitori danno ai loro figli. Magari non sono frasi che fanno parte del dialogo perchè basta l’espressione, lo sguardo. Genitori che dicono: hai preso un sei a scuola? dovevi prendere sette. Hai preso sette? Dovevi prendere otto e così via senza mai dare piena soddisfazione.

 Prima tipologia: bambini e ragazzi che corrispondono alle aspettative dei genitori.

  • Eccellono sul lavoro
  • Carattere “rigido”
  • Scarsa empatia
  • Efficienza
  • Dipendenza dal genitore dominante
  • Incapaci di mettersi in discussione
  • La paura di essere giudicati li esorta ad essere impeccabili
  • Precisi
  • Orgogliosi
  • Dai valori solidi, sani principi
  • Non sbagliano mai nemmeno di fronte all’evidenza

 

DA ADULTO

Si impegna con tutto se stesso per agire anche in ambiti in cui non ha doti particolari. Può essere perfezionista, è l’efficienza in persona. Qualsiasi cosa fa si chiede come verrebbe giudicato da genitore. Non è procrastinatore e per lui il fare e l’agire non sono un problema anche per le cose più noiose. E’ dipendente dal genitore autoritario. Abituato a doversi impegnare più del dovuto, può diventare stakanovista sul lavoro.

E’ una persona che porta fino alla fine qualsiasi tipo di impegno, non si abbatte alle prime difficoltà. Dà l’anima per una causa e alcuni sono costantemente insoddisfatti del risultato anche se perfetto, altri non accettano critiche sul proprio operato. Queste persone sono votate all’efficienza, a volte poco elastiche mentalmente: capire un punto di vista diverso dal loro può essere molto difficile. Possono intraprendere qualsiasi mestiere e diventarne esperti. Hanno un forte senso del dovere, a volte una missione da compiere.

Difficilmente si renderanno conto di questa ferita, in primo luogo perché per loro è normale: sono educati in questo modo dai primi anni di vita. In secondo luogo, perché riconoscere la ferita è come fare un torto ai propri genitori. Nelle relazioni sono i dominanti e pretendono dal partner di corrispondere alle loro aspettative con poca elasticità. Sono molto esigenti, visto il loro impegno assoluto nella coppia. Mantengono i patti ed è bene mantenerli con loro altrimenti dal tutto si può passare al niente in pochissimo tempo. Agiscono sempre per sentirsi nel giusto.

Seconda Tipologia:  i figli non corrispondono alle aspettative dei genitori.

Sono quei figli che non per scelta né per ribellione non riescono a soddisfare le aspettative dei genitori. Forse per capacità normali o limitate, per incoerenza tra le aspettative e le capacità o perché troppo presi dal loro talento o passione, alla fine avremo da una parte genitori che non si risparmieranno nel fare pesare le mancanze e dall’altra un ragazzo che non si sentirà all’altezza, adeguato, o abbastanza capace.

Questo porterà inevitabilmente alla ferita da Inferiorità nonostante la tipologia del genitore sia quello da Ferita da Ingiustizia.

DharmaLife® è un metodo che porta alla guarigione dai disagi provocati dalla Ferita da Ingiustizia.

Scopri come funziona il Metodo Dharmalife

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial